Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Questo sito usa i cookies per darti una migliore esperienza nella navigazione. Continuando accetti la nostraCookie PolicyOk

Fondo Pensione FNM

          ​FAQ.jpg

ADESIONE

 

 

  •            Chi può aderire a Fondo Pensione FNM?

Il Fondo Pensione FNM si rivolge a lavoratori dipendenti ed ai dirigenti delle seguenti Società:

FNM S.p.A.

FERROVIENORD S.p.A.

FNM AUTOSERVIZI S.p.A.

NORD_ING S.r.l.

NORDCOM S.p.A.

NORD ENERGIA S.p.A.

Trenord S.r.l.

DB CARGO ITALIA S.r.l.

E-Vai S.r.l.

I pensionati e/o cessati possono mantenere la posizione e proseguire i versamenti volontari.

 


 

  •            Quali sono i vantaggi per chi aderisce al Fondo Pensione FNM?

Aderire al Fondo Pensione FNM comporta una serie di notevoli vantaggi per tutti i lavoratori.

Innanzitutto, al momento del pensionamento l'aderente potrà disporre di una rendita aggiuntiva a quella della pensione pubblica che, per effetto delle riforme adottate,

è destinata a diminuire progressivamente il livello di tutela attualmente assicurato.

Gli aderenti possono inoltre usufruire di agevolazioni fiscali (deducibilità della contribuzione e regime fiscale più favorevole rispetto a quello ordinario per rendimenti

e prestazioni) e di incentivi contributivi da parte dell’azienda (contributo datoriale, altrimenti non dovuto).

 


 

  •            Quando si può aderire?

Il lavoratore può aderire al Fondo pensione FNM in qualunque momento.

Entro sei mesi dalla data di assunzione deve essere fatta la scelta di versare il TFR ad un fondo pensione complementare o di mantenerlo in azienda.

Se si decide di mantenere il TFR in azienda, tale scelta è rivedibile ed in qualunque momento si potrà scegliere di destinare il TFR ad un fondo pensione.

 


 

           Dove posso trovare la documentazione per iscrivermi?

La documentazione relativa all’adesione è consultabile e scaricabile direttamente da questo sito internet e si può richiedere presso la segreteria del Fondo Pensione FNM.


 


 


 

SPESE

 

  •             
  •            Che cos'è il contributo a copertura delle spese per la gestione amministrativa?

Per ogni Socio/posizione aperta è dovuto un contributo in parte a carico del lavoratore, in parte a carico del datore di lavoro, che serve a coprire i costi annui

di gestione amministrativa del Fondo Pensione FNM.

 


 

  •            Quando si paga il contributo a copertura delle spese per la gestione amministrativa?

Il contributo a copertura delle spese per la gestione amministrativa viene trattenuto in busta paga il primo mese di adesione e successivamente nel cedolino del mese

di gennaio di ogni anno.

I Soci titolari di posizioni aperte a qualsiasi titolo (pensionati e/o cessati) devono provvedere al pagamento entro il mese di febbraio di ogni anno.

 

  •          

 

 

CONTRIBUZIONE

 


 

  •            Quanto devo versare a Fondo Pensione FNM?

La contribuzione al Fondo Pensione FNM è prevista dalla normativa e dagli specifici accordi stipulati tra le Società e le Organizzazioni Sindacali:

  •             - Versamento del TFR, stabilito in base alla data di prima occupazione;
  •             - Versamento a carico del datore di lavoro, nella misura stabilita dagli accordi vigenti;
  •             - Versamento a carico del lavoratore, libero e volontario.
     
  •            Quali informazioni riceve il Socio in merito ai versamenti effettuati?

Il lavoratore può verificare mensilmente, attraverso la busta paga, l’entità delle contribuzioni operate dall’azienda (contributo lavoratore, datoriale, TFR).

Inoltre, una volta l’anno, l’aderente riceve una “Comunicazione periodica” redatta secondo lo schema elaborato dalla COVIP con la quale il fondo informa i Soci

sull’andamento della gestione complessiva del Fondo Pensione FNM e sugli aspetti relativi alla propria posizione individuale. Dette informazioni forniscono tutti

gli elementi utili per ricostruire l’evoluzione della posizione individuale nel periodo di riferimento, in termini di contributi versati e di rendimenti maturati.

Tutti i Soci hanno inoltre la possibilità di consultare quotidianamente la propria posizione attraverso il sito www.fondopensionefnm.it accedendo all’area riservata

Posizione Individuale”.

 

  •            Come faccio ad aumentare il mio versamento volontario?
                Il dipendente per variare il versamento volontario deve compilare apposito modulo “Modulo Versamenti volontari”, disponibile anche sul sito al link Modulistica.
     
  •            La contribuzione è corrisposta anche durante la fruizione di periodi di aspettativa non retribuita?

No, in linea generale il contributo segue la retribuzione. Se non c’è retribuzione, non c’è il versamento contributivo al Fondo Pensione FNM.

 


 

  •            È possibile continuare a contribuire anche dopo il raggiungimento dell'età pensionabile?

Si. La contribuzione può proseguire volontariamente anche dopo il raggiungimento dell'età pensionabile prevista dal regime obbligatorio di appartenenza a

condizione che al momento del pensionamento il soggetto possa far valere almeno un anno di contribuzione ad una forma pensionistica complementare.

 


 

  •            Quale è il regime fiscale dei contributi per gli iscritti ad una forma pensionistica complementare?

I contributi versati dal datore di lavoro e dal lavoratore sono deducibili dal reddito complessivo per un importo annuo non superiore ad € 5.164,57; nel calcolo

del limite non va considerato il flusso di TFR conferito.

 


 

  •            Per godere dei vantaggi fiscali riconosciuti dalla legge sulle somme versate al fondo, il lavoratore deve fare la dichiarazione dei redditi?

No. Il risparmio fiscale, infatti, viene percepito dal lavoratore direttamente in busta paga, in quanto è il datore di lavoro, come sostituto d’imposta, che riconosce

i vantaggi fiscali.

Per i versamenti volontari dei pensionati bisogna fare la dichiarazione dei redditi.

 


 


 

 

PRESTAZIONI

 

  •            Il Socio può uscire dal fondo prima del pensionamento?

Nei casi di cessazione del rapporto di lavoro e nelle altre ipotesi di perdita dei requisiti di partecipazione al fondo il Socio è legittimato al riscatto della posizione

individuale. (vedi "Procedure di riscatto")


 

 

  •            Che tipo di prestazioni posso ottenere al momento del pensionamento?

Al momento del pensionamento sono previste due tipi di prestazione:

  •              - la rendita pensionistica;
  •              - la prestazione in capitale.
                La prestazione pensionistica complementare può essere liquidata in forma di capitale di regola fino al 50% del montante accumulato nel Fondo Pensione FNM.
  •             Eccezionalmente la prestazione può essere erogata sotto forma di capitale per l’intero importo se la rendita derivante dalla conversione del 70% della posizione 
  •             accumulata risulta inferiore al 50% dell’assegno sociale o se, al momento del pensionamento nel regime obbligatorio, l’iscritto al Fondo Pensione FNM non
  •             ha ancora maturato i requisiti minimi previsti per l’accesso alle prestazioni pensionistiche.

 


 

  •            Cosa è necessario fare per chiedere la liquidazione della posizione?

Per richiedere la liquidazione della posizione è necessario recarsi presso la Segreteria del Fondo Pensione FNM per i vari adempimenti, preferibilmente dopo aver ricevuto

l'ultimo cedolino paga, in modo che siano state versate tutte le contribuzioni a favore della propria posizione individuale.   (vedi "Procedure di riscatto")

  •        
     
  •            Come è trattato fiscalmente il riscatto?

Sul montante maturato dal 1° gennaio 2007 il riscatto viene tassato (sempre sulla parte che non ha subito ancora tassazione - ovvero contributi dedotti e il TFR) al 15%

(ridotto dello 0,30% per ogni anno di adesione, dopo il quindicesimo, ad una forma di previdenza complementare fino a un minimo del 9%) nei seguenti casi: riscatto

a seguito di pensionamento, morte dell’aderente, stato di invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di un terzo, cessazione

dell’attività lavorativa con conseguente inoccupazione per un periodo compreso tra 12 e 48 mesi o superiore a 48 mesi, procedure di mobilità, cassa integrazione guadagni.

In caso di riscatto per perdita dei requisiti di partecipazione, per cause non rientranti nelle casistiche sopra elencate, la tassazione è del 23%.

 


 

  •            Qual è il trattamento fiscale della prestazione finale (rendita e capitale)?

Sul montante maturato dal primo gennaio 2007, la prestazione finale, sia in rendita che in capitale, è tassata con un’aliquota del 15%, che dopo una permanenza nella

previdenza complementare di almeno quindici anni, inizierà a ridursi anno dopo anno fino ad un minimo del 9%.

 


 

  •            Cosa succede fiscalmente quando si chiede un trasferimento?

L’operazione di trasferimento non è soggetta a imposta.

 


 

  •            E' possibile richiedere un’anticipazione?

Si. Il Socio può richiedere l’anticipazione della posizione individuale nei seguenti casi (vedi apposito Documento):

  •           
  •            Come è trattata fiscalmente l’anticipazione?

Sul montante maturato dal primo gennaio 2007 l’anticipazione per spese mediche è tassata  al 15% (che scende dello 0,30%, dopo il quindicesimo anno,

per ogni anno di permanenza in una forma di previdenza complementare fino a un minimo del 9%). Negli altri casi l’aliquota di tassazione è del 23%.


 

  •            Cosa succede in caso di premorienza del Socio?

In caso di decesso prima del raggiungimento del pensionamento, la posizione individuale accumulata presso il Fondo Pensione FNM sarà riscattata dagli eredi

ovvero dalle diverse persone indicate dall’Iscritto.

In caso di decesso dopo il pensionamento, il Fondo Pensione FNM offre la possibilità di assicurare l’erogazione di una pensione complementare al beneficiario

designato, avendo sottoscritto una rendita “reversibile” all’atto dell’erogazione della prestazione. (vedi "Procedure di riscatto")

 

 

           Che cos’è la R.I.T.A. (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata)

            La R.I.T.A. consiste nella liquidazione frazionata di tutto o parte del montante accumulato, richiesta dagli aderenti che siano in possesso dei requisiti per accedere

            all’anticipo finanziario a garanzia pensionistica (APE volontaria) disciplinato dall’art.1, commi 166 e seguenti, della legge n. 232 del 2016.

            L’erogazione della R.I.T.A., soggetta a tassazione agevolata, avverrà successivamente all’accettazione della richiesta da parte del Fondo Pensione FNM e fino alla

            maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia.

            L’importo richiesto a titolo di R.I.T.A. è liberamente determinato dall’aderente, in termini percentuali del montante accumulato presso Fondo Pensione FNM.


           

           Condizioni per l’accesso alla R.I.T.A.

Dall’1 maggio 2017, in via sperimentale fino al 31 dicembre 2018 (vedi legge n. 232 del 2016) per gli aderenti in possesso dei requisiti di seguito indicati, è possibile

            richiedere alla propria forma di previdenza complementare la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (R.I.T.A.):

             1) Possesso dei requisiti per l’accesso all’A.P.E. volontaria, tra cui

                - dipendenti, sia pubblici che privati e lavoratori autonomi

                - età minima 63 anni

                - non più di 3 anni e 7 mesi al raggiungimento del requisito per la pensione di vecchiaia

                - anzianità contributiva minima nel sistema di previdenza obbligatoria di 20 anni.

             2) Cessazione del rapporto di lavoro.


              In caso di decesso dell’aderente in corso di erogazione della R.I.T.A., sia l’ammontare della R.I.T.A. non ancora erogato che l’eventuale montante residuo non destinato

             alla RITA seguiranno le regole previste per il riscatto per premorienza ex art.14, comma 3, D.Lgs. 252/2005.


 

 

  •             Come richiedere la R.I.T.A.

    •  Per la richiesta della R.I.T.A. è necessario compilare l'apposito modulo presente sul sito alla pagina "Documenti del Fondo" allegando a seguente documentazione:

    •  - certificazione INPS di cui al comma 168 della legge 232 del 2016 utile alla richiesta dell’APE volontaria;

    •  - attestazione della cessazione del rapporto di lavoro;

    •  - documento rilasciato dall'ente di previdenza obbligatoria di appartenenza, attestante la data di maturazione del requisito per la pensione di vecchiaia;

    •  - documento di identità.

    •  Per la concessione della R.I.T.A. non è necessario il percepimento del prestito finanziario a garanzia pensionistica (APE volontaria), ma unicamente

    •  la certificazione rilasciata dall’INPS utile ad ottenere l’APE volontaria: la R.I.T.A. può essere richiesta congiuntamente all’APE volontaria o in via esclusiva.

                  


    •  


    •  


 


 


 

VARIE

 


 

  •             Come si può contattare la Segreteria del Fondo Pensione FNM?
            La Segreteria del Fondo Pensione FNM è disponibile presso la sede in piazzale Luigi Cadorna 16 oppure al numero 02-85114388 nei seguenti orari:

da lunedì a giovedì alle ore 10.00-12.00 e 14.00-16.00

            oppure tramite e-mail all'indirizzo fondopensionefnm@fondopensionefnm.it

 

            Che cos’è la COVIP?

La Covip è l’autorità pubblica preposta a garantire la trasparenza e la correttezza dei comportamenti dei fondi pensione nonché la sana e prudente gestione delle

forme pensionistiche complementari, avendo riguardo alla tutela degli iscritti e dei beneficiari e al buon funzionamento del sistema complessivo della previdenza

complementare. Fondo Pensione FNM è iscritto all’albo Covip con numero 1165.

 


 

  •            Che cosa è la posizione individuale?

Si tratta del valore corrispondente al complesso della contribuzione versata (contributi del datore di lavoro, eventuali contributi a carico del lavoratore e da TFR)

e dei rendimenti ottenuti, al netto delle spese e dell’imposta sui rendimenti. L’ammontare della posizione individuale viene comunicato annualmente all’aderente

attraverso la comunicazione periodica e può essere controllato dagli aderenti, attraverso il sito www.fondopensionefnm.it nell’apposita area riservata “Posizione individuale”.

 


 

  •            Come si accede all'area riservata del sito “posizione individuale”?

La password di accesso della “Posizione individuale” viene rilasciata, all'atto dell’adesione, con la welcome letter.

 

In caso di smarrimento è possibile richiederla on line procedendo come segue:

  1.         Selezionare "Posizione individuale" dal sito www.fondopensionefnm.it
  2.         Selezionare: "Consultazione posizione individuale"
  3.         Selezionare il link: "Aderente hai perso la password?"
  4.         Inserire: COGNOME, NOME, CODICE FISCALE ed e-mail
            quindi selezionare "Invia token": riceverà una email con il token per inserire la nuova password.
            Selezionare il token: si aprirà una videata nella quale sono indicati Nome, Cognome e Codice Aderente.
            Il Codice aderente è necessario per accedere alla “Posizione Individuale” pertanto se non lo ha provveda a copiarlo.
  5.         Inserire la “Nuova password” (lunghezza minima 8 caratteri) e “Conferma nuova password”
  6.         Selezionare “Cambia password”.
            Terminate le operazioni sopra indicate con Id Utente (Codice Aderente) e Password può accedere alla “Posizione individuale”.